Primi-1 - AA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

NIDI DI TAGLIOLINI
Ingredienti:
Tagliolini 250 g
Mandorle sgusciate bianche 150 g
Formaggio Philadelphia 150 g
Parmigiano 150 g
Pomodori pachino 300 g
Cipolla ½
Aglio
Peperoncino
Olio extravergine 9/10 cucchiai

Preparazione:
Allora a secondo di quanto siete a tavola aumentate le dosi da me consigliate, calcolate che le dosi che vi ho dato servono per 3/4 persone.
Per prima cosa prendete le mandorle sgusciate bianche e mettetele in un sacchetto da freezer e cominciate a schiacciarle fino a farle diventare a dei piccoli pezzetti (tipo granella). Vi dico di evitare il frullatore perché la mandorla potrebbe trasformarsi in farina se non state attente. Fino qui ok? Allora dopo aver rotto le mandorle prendete una casseruola antiaderente e metteteci l’olio extravergine di oliva e mezza cipolla fatta a fette sottili ma anche un aglio vestito ma leggermente schiacciato.
Fate soffriggere finché sia la cipolla che le mandorle non abbiano assunto un colore nocciola chiaro mi raccomando………….(non marroni).
A questo punto aggiungete il Philadelphia il peperoncino e mescolate il tutto finché non diventa una crema omogenea.
Aggiungete il sale a vostro piacimento ed un goccio di brandy o mezzo bicchiere di vino bianco. Continuate a mescolare e fate svaporare il brandy/vino, assaggiate se di giusto sapore. A questo punto, e diciamo che la cottura del ragù è quasi terminata aggiungete i 3 etti di pomodori pachino e fate cuocere finché i pomodorini sono quasi cotti (non sfatti per capirci). Quasi fatto dai!
Riassaggia di nuovo (ve lo ripeto costantemente) se il gusto è quello di tuo gradimento o ci vogliono delle correzioni, per esempio sale o altro olio insomma a tua discrezione. Verso la fine aggiungi il parmigiano fai squagliare il tutto e riassaggia. Attenzione che il parmigiano oltre a dare un buon sapore al ragù lo insaporisce molto, quindi fate attenzione al sale che avrete messo in precedenze.
Io dico sempre che ad aggiungere il sale si fa sempre in tempo……………….ma a fare troppo salata una pietanza poi sono problemi.
Ricorda che il composto che hai creato deve rimanere tipo crema e non secco, casomai aggiungi un goccio di acqua.
Ora se non hai tempo a fare i tagliolini fatti in casa compra quelli freschi al supermercato, ma mai quelli secchi.
Cuocete la pasta al “dente” e scolatela, versate la pasta direttamente dentro la casseruola del ragù e mantecate. Se vedete che troppo asciutta non vi preoccupate, aggiungete alcuni cucchiai dell’acqua di cottura della pasta.
Ora ci sono due modi per servirla in tavola: o la classica tipo alla Alberto Sordi o una più raffinata, scegli te. Per quella raffinata prendi una forchetta avvolgi la pasta e fanne tipo un nido e ponila su un piatto da portata con sopra ogni “nido “ una cucchiaiata di ragù (che avrai messo in disparte).
Se fatto bene, gusterete un piatto diverso e buonissimo, attenzione alle mandorle che tendono al dolce quindi se variate le dosi devono essere del peso a seconda delle persone che hai invitato.
Buona pranzo

 
Torna ai contenuti | Torna al menu