Secondi-36 - AA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

COSCIOTTO DI MAIALE DA LATTE
Ingredienti:
 
Cosciotto di maiale 1 kg
Patate rosse 1 kg
Olio extra vergine di oliva 8 cucchiai
Alloro 2 foglie
Finocchio selvatico fresco 3/ 4  rametti
Bacche di Ginepro n° 10
Aglio 2 spicchi schiacciati ma vestiti
Finocchio in semi 10 g
Castagne lesse 200 g
Sale q.b.
Vino bianco ¼ di bicchiere

Preparazione:
Ciao oggi un bel piatto rustico amato da tanti, ma facciamolo insieme anche se non richiede un’accurata preparazione.
Andate dal solito vostro macellaio di fiducia e fatevi dare un bel  cosciotto di maiale ma” da latte”, e assolutamente non fatevi togliere la cotenna.
Prendete una terrina profonda e salate il cosciotto, aggiungete tutte le spezie, il quarto di bicchiere di vino e fate macerare per 3 ore, meglio se 4, di tanto in tanto rigiratelo.
Nel frattempo pelate le patate rosse e fatele a cubetti sempre senza sciacquarle ma pulitele con delle carta assorbente. Non le condite ancora, in quanto se mettete subito il sale ed aspettate la macerazione della carne rischiate di macchiare le patate per effetto dello stesso sale. Quindi questo è un procedimento che potrete fare all’ultimo se volete.
Passate 4 ore? Ok, prendete una teglia da forno antiaderente, se non l’avete potete prenderne una normale e foderatela con della carta da forno. All’interno metteteci il cosciotto con tutti gli umori prodotti dalla macerazione. Mettete le patate e cominciate a mescolare finché l’olio sarà uniforme in tutti gli ingredienti.
Mettete in forno a 180 per circa un’ora e mezza, anche oggi vi dirò che dipende dal vostro forno se ventilato o a gas. In ogni caso regolatevi in base alle patate che devono essere belle dorate e croccanti.
Cosa importante, di continuo mentre cuoce prendete l’olio del fondo e mettetelo sopra il cosciotto e le patate.
Si, si e le castagne? Le metterete a metà cottura, questa unione di dolce salato darà un tocco di originalità al vostro piatto ma lo renderà anche più gustoso.
Fatto, servite il vostro cosciotto molto caldo ma non ve lo dirò ancora anzi si ve lo dico di nuovo, in un bel piatto da portata ma con guarnizioni che renderanno speciale il piatto.
Volete il top? Accompagnate questo tipo di carne con un bel calice di Barolo d’Asti.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu