Secondi-4 - AA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

INVOLTINI VERZA E POLLO
Ingredienti:
Petto di pollo 400 g
Verza una intera grossa
Asparagi un kg
Carote 2
Zucchine 2
Arance 2
Olio
Aglio
Sale
Zucchero
Farina un cucchiaio
Brandy

Preparazione:
Fate cuocere la verza in acqua e sale (regolatevi voi per la salatura), mi raccomando le foglie devono cuocere una staccata dalle altre e prendete le più regolari e belle sode.
Fatele bollire finché risultino cotte ma non disfatte, nel senso che se la prendete in mano non si rompa facilmente. Scolatele e lasciatele raffreddare.
Intanto prendete il petto di pollo che farete a cubetti piccoli e mettete a cuocere con l’olio ,aglio, brandy, sale. Il petto di pollo dovrà rimanere a cottura ultimata ben tenero e non asciutto (mi raccomando) e con il sughetto di cottura (denso).
Ora prendete le zucchine e carote fatele a listarelle e fatele bollire con del Dialbrodo, cottura al dente per capirci e non troppo molli. Gli asparagi fateli cuocere a parte sempre con cottura media.
Preparate la crema di arancia unendo il succo spremuto e della farina, fate bollire finché la consistenza sia quella di una crema omogenea. Assaggiate e se troppo acre aggiungete uno o due cucchiaini di zucchero.
Ora prepariamo il piatto; prendete le foglie di verza, una ad una e poneteci all’interno il pollo con il sughetto le carote e le zucchine, avvolgete fino a fare un involtino. Finite i componenti, che alla fine risulteranno essere per circa 8/10 involtini, dipende da quanto li riempite. Certo, più sono pieni e meno ne verranno.
Disponete il tutto in un piatto da portata in modo elegante o almeno omogeneo, disponete a ventaglio gli asparagi e alla fine sopra ogni involtino con una sac a poche coprire con la crema, formando una linea dritta che vada per la lunghezza dell’involtino. Se avete destrezza con la sac a poche usate la vostra fantasia. Portate in tavola non prima di aver messo sopra un goccio d’olio, il piatto va servito caldo. Casomai mettete dentro il microonde per pochi minuti a riscaldare.
Buon appetito.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu